fbpx
Il nuovo acceleratore Argo annunciato da CDP Venture Capital per startup del Turismo

Il nuovo acceleratore Argo annunciato da CDP Venture Capital per startup del Turismo

Realizzato insieme al Ministero del Turismo, con il contributo di Intesa Sanpaolo e del corporate partner Human Company, l’Acceleratore sarà gestito da LVenture Group, che co-investe nell’iniziativa, e da VeniSIA.

Il nuovo acceleratore Argo è stato annunciato da CDP Venture Capital. Il programma di accelerazione per startup e PMI innovative che sviluppano soluzioni o servizi per il Turismo e l’Ospitalità, realizzato in collaborazione con il Ministero del Turismo,  è parte della Rete Nazionale Acceleratori CDP, il network dedicato allo sviluppo di startup specializzate nei mercati a maggior potenziale di crescita.

Oggi la Rete conta 16 programmi verticali operativi su tutto il territorio nazionale.Per candidarsi a entrare nel nuovo acceleratore Argo c’è tempo da oggi fino al 19 febbraio 2023, il programma partirà già da marzo del prossimo anno.

A chi è rivolto il nuovo acceleratore Argo

Con una dotazione complessiva di 4,5 milioni di euro, di cui circa 3,4 stanziati dal Fondo Acceleratori di CDP Venture Capital, il nuovo acceleratore Argo ha l’obiettivo di individuare e selezionare le startup traveltech italiane o internazionali più promettenti (a patto che intendano aprire una sede operativa sul mercato locale). L’iniziativa è rivolta a realtà con un team costituito e un prototipo funzionante, che abbiano sviluppato prodotti o servizi innovativi nel campo del turismo. In particolare si fa riferimento a una serie di settori.

  • Turismo d’affari
  • Turismo culturale
  • Turismo religioso e di studio
  • Viaggi organizzati
  • Esperienze open-air (in contesti a contatto con la natura)
  • Turismo enogastronomico, dello sport e del benessere

Ai fini della selezione, saranno valutate con particolare interesse quelle tecnologie abilitanti come software CRM e sistemi di Data Intelligence, app web e mobile e sistemi di digital commerce.

Argo selezionerà circa 10 startup ogni anno per i prossimi tre anni che riceveranno un investimento pre-seed di circa 75 mila euro e che potranno accedere a successivi finanziamenti post accelerazione. Il Ministero del Turismo, inoltre, potrà sostenere ulteriormente le startup selezionate con un eventuale contributo a fondo perduto di 25 mila euro.

Quanto dura il programma e come funziona

Il programma di accelerazione, della durata di cinque mesi, darà impulso alla crescita delle startup attraverso un percorso di formazione con esperti del settore, finalizzato a validare il prodotto e il modello di business per il go-to-market.

A gestire operativamente Argo saranno LVenture Group, tra i principali acceleratori di startup a livello europeo nonché co-investitore nelle startup selezionate, e VeniSIA, l’ecosistema di innovazione sostenibile di Università Ca’ Foscari Venezia. Main partner dell’iniziativa sono Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center che, assieme al corporate partner Human Company, al partner tecnico Scuola Italiana di Ospitalità e agli altri partner che sono in fase di ingresso, metteranno a disposizione il proprio know-how e competenze nell’Industry di riferimento, affiancando le startup anche in possibili progetti di collaborazione durante il percorso.

«La filiera del turismo è in una fase di grande trasformazione per diventare più sostenibile, a impatto zero e digitale» commenta Francesca Bria, Presidente di CDP Venture Capital«Con un mercato digitale che ha sfiorato gli 11 miliardi di euro nel 2021, è il settore in cui gli investimenti in venture capital sono cresciuti di più negli ultimi anni, anche grazie alla ripresa post-covid. Con il lancio dell’Acceleratore Argo vogliamo sostenere la crescita delle migliori startup che sviluppano servizi e soluzioni innovative nel traveltech e nell’ospitalità. Nel nostro Paese il turismo vale il 13% del PIL, e accelerare l’innovazione sostenibile e digitale in questo settore ha un potenziale a forte impatto economico e occupazionale su tutto il territorio».

Nel nostro Paese il turismo vale il 13% del PIL, accelerare l’innovazione sostenibile e digitale in questo settore ha un potenziale a forte impatto economico

L’Innovation Network del Ministero del Turismo

«Con il lancio di questa call diamo avvio ufficialmente all’Innovation Network del Ministero del Turismo, la rete di collaborazioni con operatori dell’ecosistema dell’innovazione, con l’obiettivo di co-progettare e sviluppare programmi di accelerazione rivolti a startup innovative nel settore del turismo, arricchendo così il comparto e favorendo la nascita di sinergie utili ad implementare il Tourism Digital Hub. L’accordo con CDP Venture Capital, prima iniziativa di attuazione dell’Innovation Network del Ministero, va nella direzione di stimolare la nuova imprenditorialità innovativa nel turismo per portarla al livello dei migliori paesi europei, accelerare lo sviluppo di nuove soluzioni, tecnologie, modelli di business proposti dalle startup, facilitare i processi di trasferimento tecnologico da università ed istituti di ricerca. L’iniziativa rientra nella più ampia strategia del Ministero di favorire l’innovazione e la digitalizzazione del settore», ha commentato il Ministro del turismo Daniela Santanchè.

Il commento del CEO di LVenture Group Luigi Capello

«Il nostro Paese ha una naturale vocazione turistica e un grandissimo potenziale ancora da esplorare. L’innovazione e le nuove tecnologie sono asset fondamentali per la crescita dell’industria del turismo, come ha dimostrato la ripresa post-pandemia. Argo vuole dispiegare questo potenziale, lanciando startup in grado di accelerare la trasformazione digitale del settore e sviluppare tecnologie abilitanti le nuove esperienze di viaggio ed ospitalità. LVenture Group ha un track record significativo nel traveltech, dallo scale-up delle nostre partecipate fino all’exit: vogliamo mettere questo know-how a disposizione delle startup che selezioneremo con Argo», ha affermato Luigi Capello, CEO di LVenture Group.

«Per Intesa Sanpaolo è fondamentale supportare la crescita delle startup facilitando il loro accesso agli investitori, alle aziende clienti ed ai prodotti e servizi bancari, finalità che il Gruppo persegue con il supporto delle competenze sviluppate da Intesa Sanpaolo Innovation Center e attraverso iniziative dirette di valorizzazione – spiega Anna Roscio, Executive Director Sales & Marketing Imprese Intesa Sanpaolo -. Il sostegno al programma Argo, che investe in soluzioni innovative in un comparto di primaria importanza come il turismo, si iscrive a pieno titolo nell’ambito della nostra ampia e strutturata attenzione agli Acceleratori volti allo sviluppo degli ambiti a maggior potenziale. Non è un caso che ad oggi circa il 50% delle PMI innovative ed il 30% delle startup italiane abbiano colto le opportunità, anche non finanziarie, che siamo in grado di offrire».

L’acceleratore Argo avrà sede a Venezia, presso gli spazi di VeniSIA. La call per la selezione delle startup del primo programma di accelerazione di Argo, che partirà a marzo 2023, è aperta fino al 19 febbraio 2023 sul sito www.argoaccelerator.com

CATEGORIES
TAGS

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus ( )